Archivio tag | mademoiselle

Chanel n.5, un successo “Inevitabile”

18Ogni 55 secondi nel mondo ne viene venduto un flacone. Così sono tornata sul luogo del delitto. La mia profumeria del cuore. Ho voluto risentirlo. Chanel n.5 è il «profumo di donna e non di rosa».

Certamente è in linea col concetto di “essenziale”, tanto caro alla sua creatrice Gabriella Coco Chanel. Leggenda vuole che il tempo si sia fermato nel momento in cui Mademoiselle ha scelto l’essenza che porta il numero cinque. Chanel non si sforza nemmeno di trovargli un nome. Punta il dito verso la boccetta. E quel profumo resta senza nome. Semplicemente è Chanel N. 5. Il profumo che, per sempre, avrebbe dovuto ricordare l’essenza (e l’assenza) di Boy Capel, il suo nuovo amore, morto prematuramente.
E’ il 1921 e la stilista lanciava sul mercato la fragranza che, negli anni, sarebbe rimasta ammantata di un assoluto potere evocativo. Coco lo aveva creato col figlio del profumiere dello Zar Nicola II, rifugiatosi in Francia durante la Rivoluzione russa.

Nel tempo diviene la camicia da notte di Marilyn Monroe. Ed è il profumo più venduto nel mondo. Sarà in mostra a Parigi, al Palais de Tokyo, fino al 5 giugno (dal 5 maggio, simbolismi nelle date?) la fragranza iconica divenuta a tutti gli effetti un’opera d’arte, affidata alle mani di Jean-Louis Froment (ha curato le esposizioni “Culture Chanel” di Mosca, Shanghai e Pechino) che chiarisce «È una mostra che ruota su un segreto legato ad un profumo. Proprio per definizione il profumo è qualcosa di intimo. Ci riporta a dei ricordi e a degli istanti personali ed è per questo che lo indossiamo».

All’evento per l’inaugurazione c’erano le protagoniste e storiche testimonial del profumo: da Vanessa Paradis a Carol Bouquet, Estella Warren, Audrey Tautou, insieme alle attrici ambasciatrici di Chanel nel mondo: Astrid Bergès-Frisbey, Zhou Xun, al regista Jean-Pierre Jeunet e artisti, creativi e it girl come Harumi Klossowski, Alma Jodorowsky, Gaïa Repossi, la top model Sigrid Agren e la fotografa artefice che ha scattato alcune campagne Chanel, Dominique Issermann.

Ogni donna, vorrebbe nel suo guardaroba un pezzo Chanel, perché è come avere un pezzo di lei. Anche quando si tratta di un “semplice” profumo. (1. Continua)

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

chanel-n-5

Valentino, “trucco sartoriale” by Chanel

ga«E’ un trucco che definisco “sartoriale” il mio». Ed io ho avuto la fortuna di essere truccata da lui, Ezio Valentino, vincitore del Premio per il miglior visagista Chanel Italia 2013. Un meraviglioso riconoscimento che, a detta del ricevente, non contempla solamente la capacità di saper truccare le clienti, bensì la vera valorizzazione del viso. E, a dimostrazione che un buon lavoro va al di là del dato oggettivo di un viso (variamente) truccato senza forzature ci sono i “feed back” di gradimento con i clienti stessi da un lato, ma, soprattutto, le gratificazioni da parte dei titolari dell’esercizio commerciale ospitante (nel mio caso le profumerie Squillace”).

Che dire a lavoro ultimato, dopo un bella mattina di caffè, chiacchiere, esperienze e notizie originali ed efficaci sui prodotti e sui pezzi di make up utilizzati per il mio trucco? Dieci e lode al caro Ezio! «I riconoscimenti da parte dei capi sono importanti – spiega il visagista – ma quello che conta è la soddisfazione che leggo sul volto delle persone che incontro e che mi fanno amare sempre più il mio lavoro».

Foggiano, di Cerignola, Ezio Valentino ha iniziato a lavorare come visagista col maestro italiano Diego Dalla Palma nel 1992, per poi proseguire con la Versace. Adesso, da sette anni, lavora per la maison Chanel, viaggiando in giro per l’Italia, portando con sé il gusto creativo di sobrietà ed eleganza, tipico di Mademoiselle, personalizzato ed interpretato a seconda di chi si trova davanti.
«Non intendo mai imporre nulla, né “violentare” il gusto di chi si affida a me, cerco sempre di seguire i caratteri, lo stile di chi mi trovo di fronte, son le persone stesse che mi offrono le indicazioni: da come son vestire, in base ai colori, agli accessori».
Una dinamica in linea con il motto Chanel per la prossima stagione: “Make up your style” ossia “Uno stile, il tuo stile”.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma