Archivio tag | Israele

Noa a “Roccella Jazz Festival 2013”

noa1
Col tema “Shalom”, dalla scorsa edizione, dedicata alla Turchia, “Roccella Jazz Festival” si sposta in una latro paese del Mediterraneo nella travagliata terra d’Israele. Ben si capisce perché la stelal della manifestazione sarà Achinoam Nini che, accompagnata dall’immancabile Gil Dor farà assaporare i suoni della pace.
Certamente, in Italia, la maggior parte delle persone si ricordano di lei per la colonna sonora de “La vita è bella”, il pluripremiato film di Roberto Benigni. In realtà avevo avuto la fortuna di conoscerla la potenza e, nello stesso tempo, la dolcezza della sua voce grazie al disco, ed alla canzone “I don’t know”.

Continua per il trentatreesimo anno la rassegna di jazz internazionale che si terrà dal 14 al 24 agosto 2013, con trentaquattro concerti (a cui si devono aggiungere i concerti della sezione Jammin Around Before and ’Round Midnight) ben distribuiti nella provincia. E si parte il 14 agosto, come sempre in Calabria, da piazza Castello a Reggio Calabria per poi invadere in musica Roccella Jonica, Monasterace, Locri, Martone, Casignana, Bivongi e Marina di Gioiosa Jonica.
Un festival che si apre con la primo novità. Come precedentemente anticipato da queste colonne, dopo più di trent’anni lascia la direzione artistica il musicista e compositore romano Paolo Damiani, al suo posto arrivano Paola Pinchera e Vincenzo Staiano.

Proprio i due direttori artistici chiariscono che la scelta su Israele non è casuale, ma dettata dal fatto che «La Calabria è una regione che vanta la presenza di una delle sinagoghe più antiche dell’Occidente (quella di Bova Marina) e la leggenda di una città (Reggio Calabria) fondata da Aschenez, pronipote di Noè. Gli israeliani, che nella nostra regione civengono ormai solo in estate, nella Riviera dei Cedri, per raccogliere i frutti destinati alla Festa delle Capanne, quest’anno porteranno anche un po’ di musica jazz all’interno di un Festival». Una musica, il jazz che, in Israele non ha grande popolarità ma che vive di preziosi talenti, basti pensare a «Yaron Gershovsky dei Manhattan Transfer, hanno avuto grande successo in America, mentre altri sono tornati in Israele e hanno cominciato a diffondere il jazz nelle scuole. Ora Israele ha una schiera di valenti musicisti che stanno riesportando negli Stati Uniti , soprattutto verso la “Grande Mela”. Dunque si assiste, quindi, allo strano fenomeno di musicisti israeliani attuali come Noam Vazana e Omer Klein (presenti al Festival in anteprima italiana) che hanno vissuto Uniti come la terra promessa, mentre Shanir Ezra Blumenkranz (che è, invece, un valente bassista di origine sefardita nato a Brooklyn e lanciato da Zorn), adotta uno strumento maghrebino come il gimbri (basso a tre corde) per creare intricati fraseggi di chiaro sapore afro ebraico”. Blumenkranz sarà presente al festival con il suo quartetto insieme al chitarrista israeliano Eyal Maoz, in un concerto organizzato con l’imprimatur dello stesso Zorn. E tra le anteprime europeee dei concerti anche Abraxas (questo il nome del progetto inciso dalla Tzadik, con musiche ispirate da Masada Book)». Un altro musicista che è passato dagli Usa prima di tornare a splendere in madre patria è Gabrie le Coen (musicista dell’etichetta newyorkese Tzadik, che sarà presente al Festival con due progetti) e, per alcuni versi, per la stessa Noa, una delle tante scoperte di Rumori Mediterranei, che chiuderà l’edizione di quest’anno con un concerto speciale dedicato alla pace. «La star ormai “italianizzata”, a un certo punto della serata sarà affiancata dalla cantante a rabo-israeliana Mira Awad. Questo faro acceso sulla “musica errante” renderà particolare la XXXIII edizione del Festival che vedrà sotto i riflettori anche qualche musicista arabo e molti dei migliori tra le nuove leve del jazz italiano (Mattia Cigalini ed Enrico Zanisi su tutti)». Quella di lanciare nuovi talenti è una tradizione del Festival alla quale non sempre viene riconosciuto il giusto merito. Vengono promosse le eccellenze del futuro (come si è sempre fatto insieme a Paolo Damiani) e lo si fa al di fuori della logica ferrea del box office che caratterizza altre rassegne italiane. Il Festival, infatti, investe molto nella ricerca, ma non fa certamente mancare, anche quest’anno, i grandi nomi del jazz mondiale per la delizia delle migliaia di spettatori che arriveranno per gli eventi.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Gli anni Cinquanta con la lingerie di Bar

passionataE la bellissima Bar Refaeli ci ricasca. Nel giro di poche settimane la ritroviamo di nuovo testimonial di un colosso della lingerie. E con un corpo perfetto come il suo (è di qualche giorno fa il tweet in posa sul tappetino della palestra), i motivi per cui è richiestissima modella di intimo forse riusciamo ad immaginarli.

Dopo essere stata una super sexy “Babbo Natale” per la collezione targata “Under me”, eccola indossare la biancheria di un altro marchio di intimo, “Passionaria”. Questa volta la splendida Refaeli ha l’arduo compito (che, a conti fatti, le riesce benissimo) di tornare indietro nel tempo, alla moda di più di mezzo secolo fa. Non lasciatevi ingannare, qui non ci riferiamo di certo alla gonne a ruota e neanche solo al fazzolettone annodato in testa come un cerchietto, con pochi veli Bar Refaeli riporta in auge la lingerie sobria ed elegante ma molto sensuale targata Anni Cinquanta.

La modella israeliana si mette in mostra (poco) vestita, in una serie di scatti dove posa, proprio come una casalinga degli anni Cinquanta, con i panni da stendere ad asciugare al sole. E ancora sensuale navigatrice, o carinissima in con le tip toe rosse, utilizzate per dare una ripulita al giardino, la super modella mostra di saper andare anche a pesca coi tacchi, e ancora, gioca a tennis in gonnella e reggiseno; e la scopriamo ragazza di campagna con l’immancabile cappello di paglia e bicicletta, e ancora ad accudire il cane con l’intimo rosa. Stile retrò ma pur sempre molto sexy. Un’immagine fresca, per una vita da prendere, non dimentichiamolo mai, all’insegna della leggerezza.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Bar Refaeli, sexy “Babbo Natale”

c_2_articolo_1073276_listatakes_itemtake_0_immaginetakeIl primato di “Babbo Natale” più sexy va senza dubbio a Bar Refaeli. Ci avevano provato qualche giorno fa, le aspiranti miss Universo a Las Vegas a travestirsi da Santa Claus, col tanto di berretto rosso e pon pon, ma la super top model israeliana le ha certamente superate tutte. E l’occasione buona è stata rappresentata dallo spot, recentemente realizzato per la campagna pubblicitaria dell’intimo “Under Me”, in cui la Refaeli, imbacuccata da Babbo Natale, improvvisa un divertente strip tease per le strade di New York, lascia a bocca aperta gli spettatori rimanendo in slip. Con la camminata sexy e lo sguardo ammiccante, furbe inquadrature del suo lato “b”, il cortometraggio di circa un minuto ed ha fatto già il boom di contatti e di visite su Youtube.

Il rovescio della medaglia è che tutta la storia della pubblicità non è stata ben accolta nel paese d’origine dell’ex di Leonardo Di Caprio. Già qualche tempo fa avevano destato scandalo le dichiarazioni secondo le quali la Refaeli si mostrava orgogliosa di non aver prestato servizio militare (come si confà a uomini e donne in Israele).

Adesso è il “Jerusalem Post” a lasciare chiaramente intendere che i fan della modella non avrebbero gradito il travestimeno di Bar che fa riferimento alla religione cristiana e che quindi “tradisce Israele”. La critica che le viene mossa è sembra le interessi poco della sua Patria”. E ciò nonostante di recente, durante il riacutizzarsi del conflitto a Gaza, la Refaeli avesse twittato di «pregare per la sicurezza dei cittadini di entrambe le fazioni».

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.