Archivio tag | Dolce & Gabbana

D&G, make up targato Bellucci

monicaE’ la loro “musa” prediletta. Colei che incarna, nell’immaginario maschile, la “mediterraneità”. Quell’amore per la morbidezza delle forme ed i colori che accarezzano la terra. Dopo più di vent’anni di sodalizio artistico, a Monica Bellucci gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana dedicano una linea di make up dal nome “True Monica Collection”. Elegante, femminile e sofisticata, ma mai sopra le righe, la linea, creata dalla rinomata Pat McGrath (consulente creativo di Dolce&Gabbana Make-Up), è stata appositamente pensata per creare armonia per un total look classico.

Andando nel particolare le labbra, ispirate alle sensuali e carnose labbra dell’attrice laziale, sono il dettaglio chiave della collezione e si tingono con tre nuove tonalità naturali: “Nude Monica”, un raffinato marrone chiaro, “True Monica”, un rosa carne naturale e “Gentle Monica”, un rosa chiaro delicato. Il rossetto è fatto da una texture cremosa e idratante per labbra morbide, idratate e che profumano di rosa cipriata. In abbinamento anche tre matite labbra per una perfetta definizione
La scelta cade sullo smokey per gli occhi, con uno quad di ombretti dalle tonalità chiare e sfumate e due matite khol nei nuovi colori “Graphite” e “Chocolate”.
Per un look impeccabile non passano in secondo piano le mani nelle tre varianti di smalti creati per la collezione: “Gentle”, un rosa chiaro, “Perfection” e “Petal”, due rosa carne.

«Il classico look Monica si adatta benissimo a molte carnagioni. Prima si applica la matita khol, che va sfumata, poi gli ombretti per esaltare gli occhi. Per ottenere labbra veramente carnose, bisogna prima renderle piene con il lipliner e poi applicare il rossetto: Nude Monica è quello più adatto alle carnagioni più scure, mentre il delicato rosa Gentle monica è perfetto per la pelle porcellana».

Ps: Sinceramente non ho mai capito cos’abbia di “mediterraneo” Scarlett Johansson, diva hollywoodiana (certamente molto sensuale) scelta dalla coppia di stilisti siciliani per alcune campagne pubblicitarie. Incarnato pallido, capelli biondo caldo…

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Piccoli “tesori” firmati Mariotto

Mariotto-Nannini-borseHa tratto in inganno in molti il fatto di averlo visto tra le poltrone di “Ballando sotto le stelle”. Guillermo Mariotto, in realtà, è molto di più che un severo giudice del sabato sera. Ha sempre vissuto nel cuore della moda, vanta collaborazioni con Dolce & Gabbana, Basile e Krizia ma, soprattutto, è stato per tantissimo tempo legato al marchio “Alta moda Gattinoni”.

Per questo conosce alla perfezione e sa farsi portatore dei desideri modaioli di tante donne. Riaccende il suo amore mai sopito Mariotto e, da qualche settimana, esce in passerella con la sua collezione di accessori Primavera/Estate 2013. Un lavoro frutto del sodalizio con Nannini, decennale azienda fiorentina, realtà consolidata del Made in Italy per la riconoscibilità del marchio e l’alta qualità dei prodotti che sarà la licenziataria del marchio per borse e piccola pelletteria.Ed è una mappa del tesoro lo sfondo scelto dal designer venezuelano per sottolineare la preziosità delle sue creazioni, arricchite da monili “fiorino” (che riportano alla Nannini) che si trasformano in piccoli charms da indossare. Il pezzo principale della collezione è certamente l’amata borsa secchiello, e poi ci sono anche shopping, pochette, zaini e mini zaini, weekend bag.

Tutto pensato per le donne dinamiche, per accompagnarle nei brevi viaggi senza mai far perdere la bussola dell’eleganza. E ancora a far da corredo alla piccola collezione di meraviglie ecco portafogli, trousse, portachiavi e cinture. Le più fortunate potranno sfoggiare la glam-edition, pensata in gauffré stampato con dettagli in cocco. Per la distribuzione i prodotti non si limiteranno all’Italia ma spazieranno in Europa, Russia, Medio ed Estremo Oriente.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Monica Bellucci regina a Marrakech

monicaIl suo nome, solo a pronunciarlo, equivale ad un rituale mistico, ad una formula magica, evocatrice di femminilità e bellezza. Non c’è da stupirsi dunque se Monica Bellucci, regina indiscussa della “Mediterreità”, grazie al suo incarnato ed ai suoi colori, abbia incantato, dopo l’Italia, anche un altro paese che sul Mediterraneo si affaccia: il Marocco. Insieme ad un’altra bellissima italiana, Isabella Ferrari, è stata ospite alla dodicesima edizione del Film Festival di Marrakech, manifestazione organizzata sotto l’alto patrocinio di Mohammed VI che si propone di diffondere e promuovere la conoscenza dei diversi talenti impegnati nel cinema a livello mondiale.

Insieme alla Bellucci ed alla Ferrari, membro della giuria dei cortometraggi, l’Italia era rappresentata da Pierfrancesco Favino nella giuria internazionale, presieduta dal regista John Boorman, Matteo Garrone, in cattedra per una lezione cinema, Ivano De Matteo e il produttore Fabio Conversi per la presentazione del loro film “Gli equilibristi”, fuori concorso. La Bellucci ha partecipato alla rassegna cinematografica africana con il film fuori concorso Rhino Season, diretto dal regista iraniano Bahman Gobadi.

Red carpet, con relativo susseguirsi di flash ed occhi puntati su di lei: bellissima musa degli stilisti Dolce & Gabbana, 48 anni e non sentirli, nemica giurata del ritocco estetico, icona dei colori caldi che esaltano la sensualità della donna del Sud, la Bellucci ha conquistato col Marocco anche il Sud del Sud. Capelli sciolti lunghi, per il look la sua scelta è ricaduta sul total black: pantalone stretch alla caviglia, giacca appena sbottonata e bustina animalier, ai piedi un sandalo a listarelle nero, con zeppa altissima. Le icone della moda si sa, non possono essere criticate, ma ci permettiamo di suggerire che un tocco di oro, giusto per illuminare lo splendido viso, non sarebbe stato fuori luogo, soprattutto se ad indossarlo fosse stata una regina…

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.