Archivio tag | disco

JLo “Ho sofferto per mia zia gay”

ama-2011-jennifer-lopez-trionfa-e-a-pitbull-i-L-mSOW59Un periodo pieno di impegni per Jennifer Lopez. La pop star dalle origini latine si prepara per l’uscita di “The Fosters”. Si tratta di una produzione americana di Entertainment Tonight per il telefilm in arrivo su Abc Family, ispirato al ricordo di uno dei suoi affetti familiari. In un’intervista televisiva, insieme a Rob Marciano, la Lopez, dopo aver parlato della serie, si commuove e scoppia in lacrime quando il discorso si focalizza sulla persona che l’ha convinta a puntare su una produzione indubbiamente rischiosa dal punto di vista degli ascolti.

«Mia zia era gay, vivevo con lei e le volevo bene. È appena deceduta a causa di un cancro. Mentre valutavo questo progetto ho pensato molto a lei e ai pregiudizi che ha dovuto affrontare. Il primo episodio della serie andrà in onda il 6 giugno in prima serata su una delle emittenti più seguite negli Stati Uniti, dove già va in onda un altro telefilm gay-friendly, Pretty Little Liars». L’attrice coglie l’occasione per dichiarare nuovamente il proprio appoggio ai diritti civili delle persone LGBT perché «Quando si tratta di amore, credo semplicemente nell’amore. Quando due persone si amano, devono avere la possibilità di trascorrere la propria vita insieme».

Andando alla musica invece, primo vero amore della cantante pop, con una cinguettata la Lopez ha annunciato che sta per tornare e che si chiamerà “Live It Up”, in uscita l’8 maggio, e sarà il primo singolo estratto dal suo nuovo studio album pronto già nel 2013. Anche questa volta la formula resta sempre la stessa, e insieme a JLo troviamo Pitbull (in foto dimostra di gradire particolarmente il balletto con la sexy latina durante gli American Music Award 2011) e il produttore RedOne. Proprio questa combinazione ha contraddistinto la scelta dei primi singoli dell’ultimo album “Love?” e del greatest hits pubblicato la scorsa estate, dando alla luce i due tormentoni estivi “On The Floor” e “Dance Again”.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Vasco torna in tour a giugno

734836_10151346987294674_1896746952_n
In meno di sette giorni torno a scrivere di Vasco Rossi. Ma, in questo caso, mi sembra doveroso. Non si può lasciare a metà un discorso e, soprattutto, non si possono deludere le attese.
Era tornato sul profilo Facebook con una bella foto il Blasco nazionale, preannunciano buone novità musicali. Adesso, sempre sul social network, è stato svelato l’arcano, la sorpresa che il cantante ha promesso, sette giorni fa, per la fine del mese di gennaio, al suo pubblico.
Ma non si tratta solo di un nuovo singolo, inedito, perché questo, caro Vasco, consentici, l’avevamo ampiamente compreso. La nuova canzone si scopre adesso si chiamerà “L’uomo più semplice”. «Ho intenzione di riprendere il tour che avevo interrotto nel 2011 per cause di forza maggiore.Le date saranno a giugno e vi verranno comunicate presto!!».

Queste le parole dal cantautore di Zocca che riprenderà il tour interrotto per il ricovero che lo aveva costretto per mesi lontano dalle scene. Per la gioia dei milioni di fan tornerà sul palco Vasco a portare i successi storici della musica italiana e a proporre i nuovi lavori proprio dal mese di giugno. Sembra che ormai il cantante emiliano sia riuscito a mettersi alle spalle il brutto e lungo periodo nel quale è dovuto rimanere lontano da sale discografiche e palcoscenico. Conoscendolo, sappiamo che tornerà con una carica eccezionale, la grande spinta emozionale di tensione artistica alla quale ha abituato i suoi ascoltatori negli anni.
La fine del mese è vicina, orgogliosamente cominciamo il countdown…

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Pronta la sorpresa di Vasco Rossi

vasco_facebook3--400x300Lui veramente è fatto di titanio. E lo dimostra circostanza dopo circostanza.
Vasco Rossi è di nuovo in sala di registrazione. E questa è davvero una buona notizia per cominciare il nuovo anno in musica. Sembra aver messo da parte ricoveri continui ed entrate ed uscite per curarsi da fastidiosi acciacchi ed ecco qui che il lupo perde il pelo…ma nulla può distruggere la passione.

Un amore grande, quasi infinito, quello del cantautore originario di Zocca che, negli anni, ha accompagnato il suo pubblico, vasto e sempre più eterogeneo. Un amore per le canzoni e per la comunicazione che lo ha spinto a farsi vivo, ultimamente, sui social network. E’ comparsa poche ore fa su Facebook l’immagine che lo ritrae in pole position in quello che ha tutte le sembianze di essere uno studio di registrazione. In maglia scura a girocollo, pantalone chiaro e la cuffia in testa, Vasco ha postato l’immagine (rigorosamente black and white) sul suo profilo.

In posizione rampante, mima un chitarrista e lascia tutti a bocca aperta. Con una promessa: una sorpresa per tutti i fan pronta già per la fine del mese. E i suoi ascoltatori ringraziano e lo deliziano con quasi ventimila like e migliaia di commenti.
Un bel respiro di sollievo per i fan dopo le altalenanti notizie sul suo stato di salute, susseguitesi negli ultimi mesi. Qualcosa di nuovo da cantare, magari un duetto…chissà…

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Al ritmo delle discoteche silenziose

silenziose discotecheMolto di più che un semplicistico controsenso! Le “discoteche silenziose” (Silent disco) sono un fenomeno in continuo fermento ed evoluzione e, soprattutto, inarrestabile. Immaginate di entrare in locale e di non sentire musica. Il trucco c’è e si vede. Ciascuno dei partecipanti indossa una cuffia, grazie alla quale può ascoltare la musica al volume che preferisce e senza creare fastidi alla quiete pubblica. Anteprima assoluta in Italia la scorsa estate, a Bologna, presentata al Flippaut Festival, nel cast : The Chemical Brothers, Moby, Audioslave, Prodigy, Slipknot, e molti altri.

Un evento in cui sono state fornite al pubblico cuffie FM stereo digitale, ognuna delle quali dotata di un volume individuale e bassi regolabili, centro metri di raggio e due canali di frequenza.
E’ stata Emily, la giovane figlia di Michael Eavis, patron dello storico festival di Glanstonbury, in Inghilterra, l’inventrice del sistema rivoluzionario della discoteca silenziosa. Una novità musicale a cui molti hanno preso gusto tant’è che il primo locale è nato nelle Marche, tra Castelraimondo e Camerino, località Torre del Parco.

È l’alternativa per azzerare la guerra dei decibel verso le discoteche classiche e rinvigorire la voglia di stare insieme. Nella discoteca con le cuffie ad ognuno viene consegnata una wireless headphone, con la possibilità di scegliere la musica, tra quella proposta da due dj o altre personali playlist.Usando le cuffie potremo andare avanti con la musica fino a notte fonda e senza infrangere la legge. Tutti ballano e si muovono secondo la musica scelta in un contesto sostanzialmente silenzioso che permette anche di colloquiare, senza il condizionamento dell’assordante ambiente della discoteca tradizionale.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Monica Bellucci regina a Marrakech

monicaIl suo nome, solo a pronunciarlo, equivale ad un rituale mistico, ad una formula magica, evocatrice di femminilità e bellezza. Non c’è da stupirsi dunque se Monica Bellucci, regina indiscussa della “Mediterreità”, grazie al suo incarnato ed ai suoi colori, abbia incantato, dopo l’Italia, anche un altro paese che sul Mediterraneo si affaccia: il Marocco. Insieme ad un’altra bellissima italiana, Isabella Ferrari, è stata ospite alla dodicesima edizione del Film Festival di Marrakech, manifestazione organizzata sotto l’alto patrocinio di Mohammed VI che si propone di diffondere e promuovere la conoscenza dei diversi talenti impegnati nel cinema a livello mondiale.

Insieme alla Bellucci ed alla Ferrari, membro della giuria dei cortometraggi, l’Italia era rappresentata da Pierfrancesco Favino nella giuria internazionale, presieduta dal regista John Boorman, Matteo Garrone, in cattedra per una lezione cinema, Ivano De Matteo e il produttore Fabio Conversi per la presentazione del loro film “Gli equilibristi”, fuori concorso. La Bellucci ha partecipato alla rassegna cinematografica africana con il film fuori concorso Rhino Season, diretto dal regista iraniano Bahman Gobadi.

Red carpet, con relativo susseguirsi di flash ed occhi puntati su di lei: bellissima musa degli stilisti Dolce & Gabbana, 48 anni e non sentirli, nemica giurata del ritocco estetico, icona dei colori caldi che esaltano la sensualità della donna del Sud, la Bellucci ha conquistato col Marocco anche il Sud del Sud. Capelli sciolti lunghi, per il look la sua scelta è ricaduta sul total black: pantalone stretch alla caviglia, giacca appena sbottonata e bustina animalier, ai piedi un sandalo a listarelle nero, con zeppa altissima. Le icone della moda si sa, non possono essere criticate, ma ci permettiamo di suggerire che un tocco di oro, giusto per illuminare lo splendido viso, non sarebbe stato fuori luogo, soprattutto se ad indossarlo fosse stata una regina…

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

La tuta protagonista in passerella

lady-gaga-in-gianni-versace-x-the-edge-of-glo-L-wf4JVSChi l’ha detto che si tratta di un capo sportivo? A guardare ciò che gli stilisti hanno immaginato per il prossimo inverno proprio non si direbbe. Mai come in questa stagione i coutumier hanno mostrato al mondo la versatilità della tuta, un capo troppo spesso relegato allo sport o al tempo libero.
E il video “End of glory”, di Lady Gaga ne è il perfetto esempio. Per l’occasione, qualche mese fa, Donatella Versace aveva aperto gli archivi della maison per mettere a disposizione dell’artista americana quanto di meglio fosse stato, a suo tempo, frutto del genio creativo di Gianni Versace. Il risultato porta, nel caso dell’eccentrica Germanotta, ad un tripudio di borchie, cristalli e pelle nera più hot che mai, come si addice ad una super eroina della pop music (vedi foto).
Dai video alle passerelle di tutto il mondo il passo è breve. Valentino immagina, come è nel suo credo, leggiadre eroine di uno stile elegantemente dedicato che lascia spazio ad una creazione nera, intensa e misteriosa, un tuta che, in passerella, diviene espressione tangibile di preziosa forza femminile.
Si affida al fascino della tuta anche il direttore di Biblos, Manuel Facchini, facendola risplendere di riflessi argentei e lunari. Così come brilla di luce propria perché tutta spruzzata d’oro anche la versione proposta da Alviero Martini per Prima Classe.
Max Mara stravolge un classico dei classici di tutti i tempi come il cappotto color cammello che si lascia contagiare e trasformare dal fascinoso taglio della tuta.
Per Frankie Morello la tuta torna ad essere un inno allo sport che sostituisce però alle snakers tacchi e zeppe che svettano.
E’ Yves Saint Laurent che predilige oniriche signorine che sembrano volare in tute dai colori intensi della notte, sofisticate nel taglio ma comode e facili da indossare. Sarà forse questo, la comodità, il segreto del loro intramontabile successo?

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Zucchero, principe a L’Avana


Non a caso ha deciso di ripartire da “Guantanamera”, un’antica canzone della tradizione cubana che risale al diciannovesimo secolo. Zucchero Fornaciari, da vero “hombre sincero” ha iniziato la scalata della classifica qualche giorno fa, col primo singolo “Guantanamera” appunto, assaggino ed essenza del nuovo disco in arrivo il 20 novembre prossimo, dal titolo emblematico “La Sesion cubana”. Spasmodica e continua ricerca di un sound internazionale che raccolga singulti e virgulti da tutto il mondo.

Il musicista eclettico emiliano che ci ha abituati al “Funky (Gallo)”, alle mille sfumature del Blues e alle melodie Gospel, adesso porta i suoi milioni di fan a Cuba, discussa isola del desiderio, con un album interamente registrato a L’Avana, col contributo dei più grandi musicisti del posto.
Nell’isola Zucchero ha vissuto per un bel po’ lavorando al nuovo prodotto, ha inciso negli studios della città con al fianco il superproduttore (di Rolling Stones, Bob Dylan, BB King e Joe Cocker) Don Was; col mixaggio di Michael Brauer, ingegnere del suono pluripremiato con i Grammy. Tredici brani, nei quali figurano sette canzoni inedite insieme a sei brani di successo: ritmate canzoni riarrangiate totalmente quali: “Baila”, “Un Kilo”, “Così celeste”, “Cuba Libre”, “Indaco dagli occhi del cielo” e “L’urlo”.

E ancora due duetti con Bebe (la cantante di “Malo”), “Nena” e “Pana”; “Love is all around” un altro classico “Sabor a mí”, la cover “Never is a moment” del cantautore americano Jimmy LaFave; infine c’è posto ancora per un altro duetto con il brasiliano Djavan,
Del disco usciranno ben tre differenti versioni: quella italiana, la versione spagnola (per il mercato spagnolo e latino-americano) e la versione internazionale (per tutto il resto del mondo).