Archivio tag | arghillà

Ad Ecolandia risuonano le note di una notte jazz newyorkese con il live dell'”Emmet Cohen trio”

IMG_9294 copiaDi Gabriella Lax

L’immagine della statua della libertà campeggia sopra l’insolito scenario del fortino di Arghillà. Ecolandia accoglie Emmet Cohen Trio, col giovane pianista americano accompagnato dai “meridionali” Elio Coppola alla batteria e Giuseppe Venezia al contrabbasso. Il concerto “A night in New York”, proposto dal Face Fest, è la prima tappa reggina del Peperoncino Jazz Festival, diretto da Sergio Gimigliano. Sul palco alcune interpretazioni dei grandi classici del jazz, insieme ad alcune composizioni originali di Cohen. Dalla prima nota si percepisce il gusto di atmosfere ricercate ed eleganti che accompagnano il pubblico nei varchi proibiti della grande mela. “Infinity”, il disco del trio è il mondo morbido e variegato delle notti americane il cui spirito ha risuonato per una lunga serata nel fortino calabrese. “Ciao a tutti. Contento di essere qui in Calabria” spiega in italiano Emmet Cohen. Giovane e talentuoso, a soli 28 anni, finalista al“Monk Competition”, uno dei concorsi per solisti jazz più importanti al mondo e all’American Pianists Association’s Fellowshipvanta nel 2015. IMG_9159 copia.jpgHa collaborato con Christian McBride, Patty Austin, Maceo Parker, Joshua Redman, Billy Hart. Così Emmet Cohen racconta con naturalezza che Herbie Hancock (pianista jazz statunitense di fama mondiale nds) gli ha spiegato che il pianoforte è la metafora dell’orchestra ossia “Ottantotto tasti, bianchi e neri insieme”, per comporre l’armonia. E l’armonia d’antan parte proprio con “A night in New York”, un brano del 1922, che riporta il fil rouge della serata. E ancora “Mood indigo”, intramontabile di Duke Hellingthon e tornano le note sofisticate ma familiari di Cole Porter ne “It’s all right with me”. Ma l’Italia nel disco non è solo quella del lucano Venezia o del napoletano Coppola, c’è anche un tributo a Peppino di Capri, con una canzone scritta da Carlo Alberto Rossi. E poi ancora un rifacimento di un brano di Cedar Wolton “Tanto legato all’Italia” spiegano i musicisti che “quando gli chiedevano di dove fosse, rispondeva “Di Bologna””. L’anima jazzista passa veloce, fa tanti giri, così come corrono sul piano del dita di Cohen, che di talento ne ha da vendere. Il confronto con icone mostruose del jazz mondiale non lo spaventa, dietro ogni nota una sfida, insieme ai colleghi del trio con cui si perde in improvvisazioni al cardiopalma per poi tornare ai ritmi di base, con pianoforte e contrabbasso a tenere il segno. Il pubblico è del fortino è entusiasta ed esaltato. Il trio italoamericano nasce nel 2013, coi due musicisti italiani a New York per partecipare ad un festival e l’incontro “fatale”. Un incontro propedeutico per invitare Cohen in tour e per registrare un disco. Attività però, in quelle settimane, avversate dall’arrivo dell’uragano Sandy. “Ma alla fine ci siamo riusciti, abbiamo fatto 60 date tra America e Italia e ora siamo pronti a registrare un altro disco”. Sesto tour in Italia per il trio. Cohen prima di iniziare ci confida che la Calabria è una delle regioni più belle. D’altro canto si tratta di una terra che già ha conosciuto lo scorso anno, ospite sempre di Gimigliano (sottoa destra  in foto con Marcello Spagnolo) alla precedente edizione del Peperoncino Jazz Festival, nella tappa di Diamante. “Felicissimi della collaborazione col Face Fest e con Ecolandia – chiarisce entusiasta patron Gimigliano che ha organizzato il concerto con Alessio Laganà – siamo alla quindicesima edizione di un festival che tocca trenta città, cinque province e parchi nazionali, però a Reggio città non eravamo mai arrivati. Per noi è un grande onore. Dovremmo essere i primi a renderci conto di essere, come calabresi, abitanti di un posto speciale”. (foto Marco Costantino)

IMG_9129 copia

Face Fest dall’uno al 4 agosto, tradizione ed evoluzione

face#Tradizionevoluzione è l’hashtag che scandirà il FACE 2016, il Festival dell’Arte, della Creatività e dell’Ecocultura, in programma dal 1 al 4 agosto nell’incantevole scenario del Parco Ecolandia di Arghillà a Reggio Calabria. Circa 300 artisti hanno compreso, nelle passate edizioni, il valore culturale di una kermesse che stravolge gli animi di chi lo vive tra musica, arte, spettacolo, workshop, performance, installazioni, fotografia, scultura e pittura. Giunto alla sesta edizione, inserito tra gli eventi storicizzati della Regione Calabria, apprezzato dai reggini e non solo, il FACE trasforma il Forte Gullì in uno scrigno che custodisce e diffonde arte e cultura. La novità del FACE 2016 è rappresentata da una nuova espressione artistica capace di catturare ed immobilizzare l’arte per poi liberarla attraverso giochi di luce continui. Il partner, che i direttori artistici Paolo Albanese e Paolo Genoese hanno voluto fortemente portare a Reggio Calabria, si chiama Kernel, piattaforma artistica ideata e prodotta da AreaOdeon che propone nuove sinergie multi-disciplinari tra musica elettronica e sound design, audiovisual mapping, architettura effimera, arte digitale e interattiva. Nel linguaggio informatico, il termine “kernel” costituisce il nucleo di un sistema operativo. Analogamente, Kernel si propone come piattaforma stabile e permanente sulla quale innestare una serie di attività e proposte mirate ad offrire opportunità di sperimentazione e scambio tra diversi linguaggi espressivi dell’arte contemporanea, tra momenti d’intrattenimento, ma anche spazi di incontro e occasioni di visibilità per giovani artisti. Il Fortino di Arghillà, grazie a questa collaborazione, verrà investito di un nuovo senso che lo renderà laboratorio ideale di sperimentazione, condivisione ed ibridazione di esperienze differenti. Avrà così nuovi colori e nuove forme attraverso il progetto LUXONUS, installazione interattiva di luce e suono, prodotta da Kernel/AreaOdeon, in cui le composizioni musicali, create grazie ad uno step sequencer, si trasformano in giochi di luce sul Fortino. Ad ogni nota suonata, una luce si accenderà ad illuminare l’antica struttura. Il pubblico nel periodo antecedente al Festival, tramite un’interfaccia web, potrà creare, registrare e inviare il proprio contributo musicale dal quale deriverà in tempo reale una corrispondente soluzione di illuminazione. Le composizioni raccolte tramite web saranno presentate nelle quattro serate. Durante i giorni del Festival, sarà presente anche una postazione in loco, attraverso la quale il pubblico potrà interagire con l’installazione. L’allestimento multimediale farà inoltre da scenografia ai concerti in programma. Un progetto creato ad hoc per Ecolandia e FACE 2016 che rappresenta una nuova tappa di un percorso che negli ultimi anni ha già emozionato migliaia di spettatori con esperienze artistiche ad alto contenuto tecnologico. Le serate del FACE 2016 avranno così una nuova interpretazione artistica: le note dei gruppi musicali si muoveranno in sincronia con i fasci di colore intorno ai visitatori. Ancora una volta il FACE sarà quindi un viaggio dentro la forma libera dell’arte con varie tappe per lo più musicali. Il programma completo verrà svelato durante la conferenza stampa – evento in programma giovedì 28 luglio alle ore 18:00 al Parco Ecolandia.

Per info su programma, artisti partecipanti e workshop visita www.facefestival.org, www.parcoecolandia.itwww.kernelfestival.net, www.kernelfestival.net/luxonus/