Archivio | settembre 12, 2016

Immigrati: il prefetto, in seduta coi sindaci, dispone la verifica della qualità dei servizi nei centri d’accoglienza

img_9738-copia(foto Marco Costantino)

Ad una settimana dal suo insediamento prosegue l’impegno del neo Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, per approfondire la tematica dell’accoglienza dei migranti. Si è svolta oggi una riunione con i sindaci della provincia per un approfondimento del tema dell’accoglienza dei migranti assegnati a questa provincia o qui giunti in seguito agli arrivi di navi nei Porti di Reggio Calabria e di Roccella Jonica. Preliminarmente il Prefetto ha illustrato i dati sulla presenza di migranti nel territorio provinciale. Dall’inizio dell’anno sono giunti nell’ambito delle operazioni del dispositivo “Triton” ben 1.550 migranti di cui 1397 minori stranieri non accompagnati. Attualmente in tutta la provincia è data ospitalità a 562 minori, di cui 432 sono ospitati nel Capoluogo. Sono presenti poi 564 migranti adulti, ospitati in primissima e prima accoglienza; inoltre operano, in provincia, diversi Centri SPRAR che offrono accoglienza di secondo livello a oltre 1000 migranti. Occorre dare dignità all’accoglienza ed assistenza ma nel rispetto della legalità ha fatto presente il Prefetto che ha poi preannunciato l’intendimento di avviare in tutte le strutture di prima e di seconda accoglienza la verifica sulla qualità dei servizi offerti a favore dei richiedenti asilo o di coloro che sono in possesso di protezione internazionale nonché sugli adempimenti delle rispettive associazioni e comunità.

dsc_1065-copiaNell’ambito dei temi trattati, il Prefetto ha ricordato, poi, che è aperto ancora il nuovo bando SPRAR e ha sollecitato i Comuni della provincia che ancora non hanno partecipato a offrire la disponibilità all’accoglienza. In tale direzione ha ricordato le innovazioni introdotte dal Decreto Ministeriale 10 agosto 2016 rispetto alle procedure di accesso al finanziamento delle strutture di accoglienza nella rete SPRAR e ha altresì posto l’attenzione sulle recenti disposizioni di cui alla legge n. 160/2016 relativa all’attivazione, da parte del Prefetto di centri dedicati ai minori stranieri non accompagnati.Il Prefetto di Bari si è poi soffermato sull’azione di governance che intende attuare in questa provincia per dare risposte significative in termini di accoglienza dei migranti ma anche di coesione sociale. A tale riguardo ha rappresentato l’esigenza che la rete di assistenza e di accoglienza dei Comuni, peraltro particolarmente intensificata nelle ultime settimane, sia ulteriormente implementata affinchè possa essere effettivamente assicurata, nell’intera provincia, una vera e propria presenza diffusa dei migranti, per evitare l’eccessiva concentrazione di immigrati in pochi territori. Nell’intendimento che la questione dell’integrazione e dell’accoglienza agli immigrati deve privilegiare la risposta più adeguata in termini di collaborazione e intese tra Istituzioni, Enti competenti, Associazioni e Organismi associativi e di volontariato, il Prefetto ha posto poi particolare accento sulle note criticità inerenti al reperimento di strutture per l’accoglienza dei migranti provenienti dagli sbarchi o qui destinati in base ai piani di riparto ministeriali nonché quella dei minori stranieri non accompagnati, che incide in modo sostanziale sul Comune Capoluogo, quale località di arrivo delle navi. Su tali aspetti il Prefetto ha invitato i Sindaci a manifestare le loro disponibilità a forme di accoglienza e a individuare, nei loro territori, di immobili atti a poter offrire adeguata ospitalità ai migranti. Nel contempo il Prefetto ha evidenziato che le strutture debbono, comunque, essere conformi alle normative in materia di urbanistica, di edilizia e di prevenzione incendi, di igiene e di sicurezza. Il Prefetto infine ha fatto presente che sarà, altresì, diramata una circolare ai Comuni per verificare, nei Comuni in cui sono presenti migranti in prima accoglienza, iniziative per lo svolgimento di attività di volontariato da parte dei migranti.

“Cosa vedi” a Venezia: Cittanova alla 73ma Mostra Internazionale del Cinema

pubblico-presentazione-mostra-veneziaLa 73ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia è terminata sabato con premiazioni e carrellate di star sul red carpet. Ma all’eco cinematografica si unisce la risonanza di ciò che è successo nei padiglioni interni all’Hotel Excelsior che è stato teatro, al Lido di Venezia, di incontri, promozioni, presentazioni, anteprime. La Calabria non è stata rappresentata solo dal battesimo di LuCa, il nuovo progetto di unione tra la Lucana e la Calabria Film Commission: grande risonanza ha avuto la presentazione di “Cosa vedi”, il cortometraggio prodotto da Antonio Urrata e curato da Fabio Mollo per Reggio Cinema, risultato del secondo laboratorio di filmmaking sostenuto dal Comune di Cittanova e patrocinato dal Comune di Reggio Calabria, dalla Provincia di Reggio Calabria, dal GalbaTir e dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. Nello Spazio della Fondazione Ente dello Spettacolo anche i dieci filmmaker under 35: Anna Adornato, Libera Balzamo, Antonio Corsini, Gabriele Galligani, Francesco Giacomel, Ryan William Harris, Pier Lorenzo Pisano, Stefano Raspa, Daniele Suraci, Antonio Vezzari. Due protagoniste, Cristina Parku e Khaoula El Assali ed un coprotagonista, Peppe Piromalli. Dieci minuti intensi, quelli di “Cosa vedi”, sospeso tra i pomodori, i sospiri di due giovani migranti, il rumore del mare ed una storia di arrivi e di partenze molto attuale.

Primbovalino-giovinazzo-guerrisi-festival-cinemaa della proiezione, accolta con entusiasmo, il regista Fabio Mollo e il direttore generale della Fondazione Ente dello Spettacolo, nonché produttore Antonio Urrata hanno affiancato i filmmaker che durante il laboratorio, le riprese e il montaggio hanno animato la cittadina di Cittanova, dove l’associazione Reggio Cinema è stata chiamata a dicembre scorso dal Comune per la gestione del cinema Gentile. Un impegno forte, a cui l’amministrazione crede molto, quello di mettere a disposizione quanto possibile per creare nuove opportunità culturali, che partono proprio dal cinema. In tal senso si è espressa la delegazione giunta appositamente a Venezia, composta dalle assessore Patrizia Guerrisi e Francesca Bovalino e dalla Presidente del Consiglio Bernadette Giovinazzo. “Abbiamo deciso di attraversare la penisola in auto, facendoci carico personalmente del pernottamento e della permanenza, perché ci tenevamo particolarmente ad esser presenti fino alla fine, dato che questo percorso è iniziato insieme, al fianco di chi opera da quasi un anno sul nostro territorio per diffondere la cultura” hanno spiegato.

La presidente Giovinazzo ha sottolineato: “Il nostro è un Comune che ha bisogno di tante, tantissime cose. A volte anche di quelle basilari. Ma continuiamo a credere che la bellezza e l’arte siano qualcosa di importante, su cui investire sempre e comunque. Certo, il nostro contributo è stato reso possibile dalla scelta della Fondazione di finanziare buona parte del laboratorio, ma l’intenzione è quella di continuare con una forza sempre maggiore”.

Da Cittanova arriva anche l’idea del sindaco Francesco Cosentino della “Cittanova Città Gentile” che l’amministrazione sta costruendo. Spiega il primo cittadino: “Nella prima parte della nostra amministrazione abbiamo cercato di risolvere alcuni dei problemi maggiori, quelli che fanno parte della vita quotidiana della nostra città. Ma non abbiamo mai smesso di guardare verso un nuovo orizzonte condiviso, in cui insieme, cittadini e istituzioni, lavoreremo per dare molta più forza all’anima culturale e storica di una comunità che può diventare un punto di riferimento del territorio. Cosa vedi, titola il cortometraggio. Noi vediamo una Città Gentile, e lavoreremo perché sia questo il nostro obiettivo”.

Cittanova Città Gentile

Taurianova, aveva sparato dopo un appostamento, dopo 4 giorni di fuga, 57enne fermato dai carabinieri

sopralluogo-ccAlle ore 13.00 circa di ieri 11 settembre, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, hanno tratto in arresto FRAZZICA Giuseppe, di anni 57 da Taurianova (RC), rintracciato al termine di una fuga durata quattro giorni, in quanto autore del tentato omicidio di MAIO Domenico di Taurianova, commesso il 7 settembre scorso. L’episodio si era verificato alle ore 08.00 circa di mercoledì scorso, allorquando l’autovettura a bordo della quale MAIO si stava recando al lavoro a San Martino di Taurianova era stata oggetto di alcuni colpi di pistola, esplosi da una persona appostata lungo il tragitto. Nella circostanza, solo grazie alla tempestiva reazione della vittima ed alla sua fuga, i colpi esplosi non avevano raggiunto la persona, ma avevano attinto esclusivamente il mezzo. Le indagini immediatamente avviate avevano consentito in tempi brevissimi di identificare l’autore del gesto in FRAZZICA Giuseppe, che però nel frattempo si era dato alla fuga ed aveva fatto perdere le sue tracce. Le serrate ricerche ed i prolungati pedinamenti che ne sono derivati, estesi anche all’area di Reggio Calabria, hanno infine consentito di rilevare nella mattinata di ieri un movimento anomalo della moglie, che lasciava presagire un possibile incontro con il marito in fuga. Il dispositivo così attivato ha quindi permesso di riscontrare che la donna si stava effettivamente recando dal marito, talché quest’ultimo è stato catturato lungo la S.P. 1 Gioia Tauro – Taurianova, in Loc. Cannavà. FRAZZICA è stato quindi tratto in arresto in esecuzione di un Decreto di fermo di indiziato di delitto già emesso dalla Procura della Repubblica di Palmi, nella persona del Pubblico Ministero, Sost. Proc. Rocco Cosentino, dovendo rispondere dei reati di tentato omicidio, detenzione illegale di arma e porto in luogo pubblico, nonché accensioni ed esplosioni pericolose, tutti aggravati. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa circondariale di Palmi.

(comunicato del comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria)

Reggio, scavi a piazza Garibaldi, dove eravamo rimasti?

piazza garibaldi MarcoIpotesi e teorie. A che punto eravamo rimasti con gli scavi di piazza Garibaldi? Il chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso, ha ospitato l’incontro organizzato dall’Associazione culturale Anassilaos, sugli scavi archeologici di Piazza G. Garibaldi. Relatore Francesco Arillotta. Presentato da Pino Papasergio, responsabile del Comitato di Indirizzo dell’Associazione, Arillotta ha preliminarmente evidenziato l’importanza dei ritrovamenti  nell’area della piazza, che testimoniano la ricchezza archeologica e storica del sottosuolo della città. Parlando, poi, di quanto emerso nei tre sondaggi portati avanti dalla Soprintendenza Archeologica, si è soffermato particolarmente sull’edificio scoperto nello scavo n. 1. Arillotta non è entrato nel merito della destinazione dello stesso, compito che spetta esclusivamente agli archeologi che hanno lavorato sul campo. Utilizzando, tuttavia, il materiale fotografico acquisito dai vari siti online che si sono occupati della vicenda, ha osservato che la mancanza di tracce significative ed evidenti di crolli di strutture elevate, e la constatazione che la rustica massicciata che copre il “podium”, mal si adatta all’idea di un pavimento espoliato, avvicinandosi di più a un lavoro in corso d’opera interrotto, ha avanzato l’ipotesi che ci si trovi di fronte a una struttura iniziata ma non portata a termine. Arillotta si è quindi soffermato sugli eventi mitici e storici che hanno coinvolto l’area, a cominciare dal passaggio di Oreste, figlio di Agamennone e di Clitennestra, e del bosco di lauri sacro ad Apollo, dove egli, dopo essersi curato dalla psoriasi di cui soffriva con le acque termali di cui la città è ricca, vi appese la spada di bronzo del matricidio, e dove i Reggini raccoglievano i rami di alloro prima di partire per Delfi.Arillotta ha ricordato che l’area oggi interessata dalla piazza ha visto, nel 415 a.C. accamparvisi l’imponente esercito ateniese guidato da Alcibiade che portava guerra a Siracusa. E nel vasto ambito dell’area fu nottetempo sepolto il corpo del martire Santo Stefano. Mentre davanti al monastero di San Nicola di Calamizzi, che lì sorgeva, si schierò, nel 1042, l’esercito bizantino di Basilio Pediadites, in procinto di andare in Sicilia contro gli Arabi. Arillotta ha concluso auspicando che nell’area degli scavi si possano condurre anche ricerche geologiche e archeo-botaniche per conoscere meglio la storia del nostro terreno e della sua utilizzazione a fini agricoli. Senza escludere che, una volta sistemata la zona a Parco Archeologico, la si poss ornare proprio con begli alberi di alloro. Facendo così rivivere una tradizione trimillenaria.