Reggio, consiglio comunale aperto dopo le intimidazioni a Marcianò e Zimbalatti

zimba angelaDi Gabriella Lax

Buffone, asino e “pinocchio”. Questi alcuni degli epiteti riservati all’assessore comunale allo sport Nino Zimbalatti. Le scritte offensive sono state rinvenute nell’area del parcheggio di Ecolandia, ad Arghillà. Ma cosa ben più grave la “cartolina” con riferimento ad alcune bare. A meno di 24 ore dall’incendio che ha distrutto l’auto in dotazione della famiglia dell’assessore ai lavori pubblici Angela Marcianò, un altro atto intimidatoriocontro un esponente della Giunta di Giuseppe Falcomatà. Lo stesso sindaco, nei mesi passati, era stato oggetto di minacce, ma la notizia era trapelata molto dopoi fatti. Le indagini della Procura vanno avanti per far luce su questa recrudescenza criminale che trascina dai capelli la città riportandola ad un periodo buio. Lo stesso oscurantismo dal quale il sindaco e la Giunta tentano disperatamente di allontanarsi. A volte, episodi come quelli accaduti nelle ultime ore, richiamano l’immagine del muro di gomma, contro il quale poco si può fare. A meno di non poter cambiare essenza e Dna della città. Un consiglio comunale aperto. Questa la risposta dell’amministrazione Falcomatà. “Non abbiamo altre armi se non quelle della cultura” afferma il sindaco in occasione della presentazione dell’estate reggina. Un appuntamento che si decide di non rinviare nonostante i gesti ai danni degli esponenti di palazzo San Giorgio. “Riteniamo che ad essere colpiti non siamo solo noi, ma l’intera amministrazione. Non vogliamo che questi atti cadano nel dimenticatoio – ribadisce il primo cittadino – convocheremo un consiglio comunale aperto per dare modo ai cittadini di esprimere la loro idea e la loro vicinanza nei confronti dell’amministrazione e ribadire che il percorso di garanzia e di trasparenza non può essere solo responsabilità della politica, delle istituzioni ma vogliamo avere a fianco tutte le persone che ci danno forza perchè le persone per bene sono la maggioranza”.

L’assessore Zimbalatti riferisce “Sono tranquillo rispetto alla vita quotidiana che porta ad impegnarsi moltissimo per la nostra città. Sono gesti che lasciano riflettere le persone sane che purtroppo da questo possono solo trarre patimento. Chi ha fatto queste azioni dovrebbe solo vergognarsi perchè vuol dire che ancora Reggio ha molto da apprendere e deve ancora crescere”. (foto Marco Costantino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...