Eros e thanatos, Isabella Santacroce

Isabella-Santacroce
Inquietante. Irriverente. Saggiamente provocatoria. Lontana anni luce dagli schemi. Isabella Santacroce è molto più di tutto questo. Scrittrice di “nicchia”. Si ama o si odia. Senza via di mezzo. Eros e thanatos si abbracciano strettamente fino a fondersi in un unico elemento tra le sue righe. Il suo stile scrittorio non è unitario: classico e barocco, deciso e lineare, volgare e crudo, denota comunque una profonda cultura di base e una antica conoscenza delle radici della lingua italiana. Qualche anno fa ho cominciato a leggere, uno dopo l’altro, trilogie e singoli volumi. Ho pianto, mi sono eccitata, non ho riso. Ogni suo gesto, ogni sua novità suscita grande interesse. Della sua vita si conosce poco o nulla. Per questo motivo, intorno al “personaggio”, controverso, osannato, a tratti detestato come si faceva con le streghe nei tempi passati, aleggia una curiosità anche morbosa.

Ne corso di un convegno su “Costellazioni italiane: 1945-1999 – Libri e autori del secondo Novecento”, Cesare Garboli definisce la Santacroce come una persona che «si prende terribilmente sul serio, non sa raccontare, ma è una prosatrice d’arte di altissima qualità, ipnotica, incantatoria, e sotto tutti gli aspetti “stupefacente”».

Qualche giorno fa, la scrittrice, annoverata tra i cosiddetti “Cannibali” italiani, ha annunciato, con apposito video lanciato su Youtube, di aver iniziato a scrivere la sua biografia online. L’opera si intitola Si chiama “Stanza Desdemona Undicesima”. Per entrare bisogna avere una chiave (a pagamento). La stessa ha provveduto a lanciare una breve presentazione.
isabella_santacroce«Stanza Desdemona Undicesima, non è un romanzo. È la mia vita. Mi chiamo Isabella. Racconterò i miei giorni, i ricordi, la mia storia che sempre continua. Con me anche la voce di Desdemona, la mia voce più segreta, lirica. Questa solitudine abitata dai cervi è quanto ho di più sacro, e tu ne sarai il fantasma che mi guarda, e io non vedo. Stanza Desdemona Undicesima sarà la mia stanza, le sue pareti la mia biografia. Entrerò nella Stanza Desdemona Undicesima ogni giorno, lasciando le mie parole, quelle di Desdemona, le nostre fotografie, i nostri video, e potrete incontrarci in chat, e in live streaming. E’ in me il bisogno di raccontarmi, e lo condividerò con chi veramente ha amore per questo mio percorso nella letteratura e nella vita. Stanza Desdemona Undicesima durerà un mese, e se sarà come desidero intensa e vera, allora avrà un seguito. Per aprire la porta della stanza avrete bisogno di una chiave. Chi la desidera scriva a isabella@desdemonaundicesima.com».

Se la vostra curiosità, alla fine di queste poche righe, è ancora molto forte, non vi resta che entrare…Al nome “Desdemona” io ripenso a “VM 18” e, francamente, sento ancora addosso i brividi.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...