Archivio | Mag 19, 2013

Madonna vende quadro all’asta per aiutare le donne dei paesi poveri

Madonna ed il quadro all'asta

Madonna ed il quadro all’asta

«Non posso accettare un mondo in cui le donne e le ragazze vengono derise, fucilate o uccise se provano ad andare a scuola. Non abbiamo il tempo per abbassare la guardia. Voglio scambiare qualcosa di prezioso con qualcosa di prezioso. Educare le ragazze!».

Detto fatto. La cattiva ragazza di New York, appena uscita, in perfetto look punk, dalla mostra che la città della Grande Mela, compie la sua buona azione. Louise Veronica Ciccone, al secolo Madonna ha venduto, qualche giorno fa, il dipinto francese di Fernand Léger dal titolo “Tre donne al tavolo rosso” ad un’asta newyorkese per la bellezza di 7,2 milioni di dollari. La famosissima casa d’aste “Sotheby” non ha specificato chi ha acquistato l’opera d’arte astratta, meraviglia del pittore francese, risalente ai primi del Novecento. Il ricavato, inizialmente stimato tra i 5 e i 7 milioni di dollari, ha superato del tutto le aspettative e verrà devoluto alla “Ray of light Foundation” che sostiene l’istruzione delle giovani ragazze in Afghanistan, in Pakistan e in altri paesi del mondo.

Prima dell’asta aveva detto di voler «scambiare qualcosa di valore con un’altra cosa inestimabile: l’istruzione delle ragazze. Qualcosa di prezioso con qualcosa di prezioso» ha spiegato Madonna, cantante, regista, attrice ma anche se non soprattutto manager di sé stessa, la popstar è diventata persino collezionista d’arte per giustificare la vendita all’asta. La pop star della musica aveva acquistato il quadro nel 1990 (sempre da Sotheby) per 3,4 milioni di dollari. Il dipinto è stato realizzato nel 1921 come parte di una serie di quadri su preziosi e particolari momenti di vita delle donne. Madonna, dopo la vendita, ha ringraziato coloro che hanno partecipato all’asta con un messaggio su Facebook. Nello stesso giorno sono state vendute anche opere di Paul Cezanne, Amedeo Modigliani e Pablo Picasso.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma