Archivio | aprile 28, 2013

JLo “Ho sofferto per mia zia gay”

ama-2011-jennifer-lopez-trionfa-e-a-pitbull-i-L-mSOW59Un periodo pieno di impegni per Jennifer Lopez. La pop star dalle origini latine si prepara per l’uscita di “The Fosters”. Si tratta di una produzione americana di Entertainment Tonight per il telefilm in arrivo su Abc Family, ispirato al ricordo di uno dei suoi affetti familiari. In un’intervista televisiva, insieme a Rob Marciano, la Lopez, dopo aver parlato della serie, si commuove e scoppia in lacrime quando il discorso si focalizza sulla persona che l’ha convinta a puntare su una produzione indubbiamente rischiosa dal punto di vista degli ascolti.

«Mia zia era gay, vivevo con lei e le volevo bene. È appena deceduta a causa di un cancro. Mentre valutavo questo progetto ho pensato molto a lei e ai pregiudizi che ha dovuto affrontare. Il primo episodio della serie andrà in onda il 6 giugno in prima serata su una delle emittenti più seguite negli Stati Uniti, dove già va in onda un altro telefilm gay-friendly, Pretty Little Liars». L’attrice coglie l’occasione per dichiarare nuovamente il proprio appoggio ai diritti civili delle persone LGBT perché «Quando si tratta di amore, credo semplicemente nell’amore. Quando due persone si amano, devono avere la possibilità di trascorrere la propria vita insieme».

Andando alla musica invece, primo vero amore della cantante pop, con una cinguettata la Lopez ha annunciato che sta per tornare e che si chiamerà “Live It Up”, in uscita l’8 maggio, e sarà il primo singolo estratto dal suo nuovo studio album pronto già nel 2013. Anche questa volta la formula resta sempre la stessa, e insieme a JLo troviamo Pitbull (in foto dimostra di gradire particolarmente il balletto con la sexy latina durante gli American Music Award 2011) e il produttore RedOne. Proprio questa combinazione ha contraddistinto la scelta dei primi singoli dell’ultimo album “Love?” e del greatest hits pubblicato la scorsa estate, dando alla luce i due tormentoni estivi “On The Floor” e “Dance Again”.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma