L’Arena celebra Luciano Pavarotti

PavarottiE’ stato un simbolo di italianità in tutto il mondo. Uno degli artisti dell’opera dalla spiccata sensibilità. Sul palco ha lavorato con i più grandi, da Frank Sinatra, a Bono Vox e Liza Minnelli. Per questo resta grande il vuoto che Luciano Pavarotti ha lasciato dal 2007, anno della sua scomparsa. Per celebrare il maestro, ed in occasione del centenario del festival lirico dell’Arena, lo scorso 23 aprile, a Verona, a Palazzo Forti, è stata inaugurata la mostra “AMO Pavarotti”.

Tanti video, restaurati ed elaborati graficamente, ancora grandi installazioni multischermo, strutture trasparenti e di tessuto, dall’effetto tridimensionale e di grande impatto emotivo, disposte a ricordare le quinte di un palcoscenico. Storie d immagini mai viste, oggetti che rivelano il Maestro e il suo strettissimo rapporto con l’Arena, le sue opere preferite, la registrazione dei suoi 9 “do” di petto, i costumi, gli spartiti, le onorificenze, le fotografie con le celebrità e i capi di stato, i carteggi verdiani (di sua proprietà). Tra le tante chicche presenti da segnalare soprattutto la registrazione delle prove (mai vista prima) di Pavarotti che si apprestava a interpretare nuovamente Turandot, vent’anni dopo la sua ultima recita nel ruolo di “Calaf”, raro documento video che risale al 27 settembre 1997, dell’opera andata in scena Metropolitan Opera House di New York, diretta da James Levine con la regia Franco Zeffirelli.

Nicoletta Mantovani, anima della “Fondazione Pavarotti” si sente «particolarmente orgogliosa di questo tributo al Maestro, in un anno così simbolico per l’Opera Lirica alla quale Luciano ha contribuito con la sua passione, semplicità e spontaneità, facendola amare in tutto il mondo».

Mentre il Sovrintendente della Fondazione Arena, Francesco Girondini evidenzia «Abbiamo inaugurato lo scorso anno a Verona il Museo dell’Opera affinché fosse pronto per il Centenario del Festival lirico areniano. E chi meglio di Luciano Pavarotti poteva rappresentare il mondo dell’opera, lui che all’Arena di Verona ha cantato nel corso degli anni in ben sette stagioni. È stato naturale inserire il suo percorso artistico all’interno del Museo che celebra la creazione dell’Opera lirica. Saluto inoltre con grande soddisfazione la collaborazione fra AMO e la Fondazione Pavarotti che ci permetterà, uniti, di portare nel mondo la storia di un grande artista e di un grande teatro».

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...