Archivio | aprile 24, 2013

Le Tragedie al teatro greco di Siracusa

Teatro-di-SiracusaC’è un posto in cui la cultura resta un elemento di primissimo piano, fonte di ricchezza e di prestigio per il territorio. Un luogo in cui si riesce a pieno a sfruttare lo scenario naturale per trasformarlo in scenografia dei luoghi che hanno dato origine al mito: il teatro greco di Siracusa. La solidità dell’organizzazione ha fatto si che si registrato, in due lustri, un crescendo di presenze quintuplicato. Festeggia il 49° anno il “Ciclo di Rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa”, il più importante evento al mondo dedicato al dramma antico.

Inizia l’11 maggio, per concludersi il 23 giugno, la stagione in cui andranno in scena le tragedie “Edipo re” e “Antigone di Sofocle” e la commedia “Le donne al Parlamento” di Aristofane. I cast d’eccezione annoverano, tra gli altri, stelle della recitazione italiana quali Isa Danieli, Ilenia Maccarrone, Daniele Pecci e Anna Bonaiuto, e, tra i compositori, il maestro Stefano Bollani.
Tanti grandi protagonisti della scena teatrale italiana come Mauro Avogadro (Servo e Sacerdote in Edipo re), Anna Bonaiuto (Prassagora in Le donne al parlamento), Isa Danieli (Tiresia in Antigone), Maurizio Donadoni (Creonte), Ilenia Maccarrone (Antigone), Laura Marinoni (Giocasta), Ugo Pagliai (Tiresia in Edipo re), Daniele Pecci (Edipo), Graziano Piazza (Secondo Nunzio in Edipo re). Mentre tra i compositori troviamo il celebre Stefano Bollani per Antigone di Sofocle, Marco Podda che firma le musiche di Edipo re e Luca Mauceri quelle della commedia di Aristofane.

E’ cresciuto nel tempo il prestigio che ha portato Siracusa a essere uno tra i maggiori centri di cultura del mondo classico e meta tra le più ambite per i cultori di teatro all’aperto. Un successo testimoniato dai dati che mostrano un aumento degli spettatori del 500% negli ultimi 10 anni, con una media annua di 150.000 presenze durante le circa 35 recite della rassegna, una struttura organizzativa che coinvolge oltre 400 persone tra attori, tecnici e maestranze, che creano un rilevante indotto economico per la città siciliana.

La produzione degli spettacoli è realizzata interamente e direttamente dall’Istituto Nazionale del Dramma Antico (Fondazione Inda Onlus), che ne cura ogni singolo particolare, anche le scene e i costumi dei drammi in cartellone sono realizzati presso i laboratori di sartoria e scenografia della Onlus. Ma non solo, alla produzione degli spettacoli, l’Inda affianca un’intensa attività scientifica e si occupa costantemente di formazione, dai master universitari alla collaborazione con le sedi universitarie italiane e straniere.

Costante anche la produzione scientifica con la rivista Dioniso e I Quaderni di Dioniso. Altissima poi è l’attenzione dell’Inda per le future generazioni. In concomitanza della Rassegna siracusana, va in scena anche il Festival internazionale del Teatro Classico dei Giovani, nel 2013 alla sua XIX edizione, che impegna centinaia di scuole nella rappresentazione dei classici e nella loro rielaborazione, nella preziosa cornice del teatro antico di Palazzolo Acreide.

Ps: Anche in questo caso, come per Pantelleria, è l’altra metà del mio cuore, il nido di ricordi che mi aiuta e mi sostiene nella scrittura.

Gabriella Lax
Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma