A Stoccolma il museo degli Abba

museo-degli-abba-stoccolma
Sento forte il richiamo della carne e voglio raccontare di una significativa iniziativa dei cugini svedesi.

Un luogo dove salvare, dall’usura del tempo, un pezzo di storia della musica di un paese. Aprirà il prossimo 7 maggio a Stoccolma il museo degli Abba. La sede prescelta è l’edificio che già ospita la Swedish Music Hall of Fame, vicino alla famosa sala dei concerti Liljevalchs konsthall e del parco dei divertimenti Gröna Lund. Sarà un museo interamente dedicato al leggendario gruppo svedese e alla storia della musica pop scandinava ed a carattere interattivo, nelle sofisticate ambientazioni che riportano agli anni Settanta. Nella famosa sala d’incisione del gruppo, ricostruita in scala ridotta, il “Polar Studio”, i visitatori potranno identificarsi nei quattro componenti indossando i loro abiti e registrando la voce sulle musiche originali.

L’annuncio è stato dato da Björn Ulvaeus, uno dei ex membri della band che si è sciolta ormai trent’anni fa. «Un tempo pensavamo solo a fare un museo degli Abba e nient’altro, ma sia io che Benny Andersson volevamo iscriverci in un contesto più ampio e cioè quello della storia della musica popolare svedese». Il compositore svedese ha ammesso di avere avuto qualche dubbio al pensiero di diventare un “oggetto da museo prima della morte”, ma allo stesso tempo ha riconosciuto che il gruppo insieme ha creato qualcosa di “enorme”.

«E’ la storia di Cenerentola che vale la pena di essere raccontata» chiarisce, rimarcando che, ha spiegato, sottolineando che tutti e quattro hanno approvato il progetto. Il quartetto di “Mamma mia!”, che ha venduto più di 378 milioni di dischi in tutto il mondo, ha fatto il suo debutto nel 1970 con la formazione che avrebbe sempre mantenuto: Björn Ulvaeus, Benny Andersson, Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad. I biglietti si possono comprare on line sul sito del museo svedese.

Vi sarete chiesti perché, inizialmente, ho scritto di “richiamo della carne”. Oddio, ora che ci penso avrei dovuto scrivere richiamo del “salmone”. Semplicemente perché il mio cognome, Lax, ha origini svedesi e significa, appunto, “salmone”. Deriverà da questo il mio rifiuto totale di nutrirmi di animali marini e di fiume?

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...