Archivio | marzo 20, 2013

Lady Gaga: «Emma, la mia sedia a rotelle»

Lady-Gaga-Terry-Richardson-200x300«Vi presento Emma, la mia sedia a rotelle». L’annuncio è volato su Twitter, con tanto di foto illuminante. Così Lady Gaga, mostra a tutti i fan la sedia a rotelle, fedele compagna di questo periodo di convalescenza dopo l’operazione all’anca che l’ha costretta a cancellare le venticinque date del tour “Born this way ball”. Si tratta di una edia a rotelle d’oro a 24 carati, con tanto di seduta in pelle nera.

Lady Germanotta ha commissionato l’accessorio niente meno che allo stilista israeliano Ken Borochov, fondatore del brand di lusso Mordekai. Si tratta di un oggetto di design creato per venire incontro alle richieste dell’esigente proprietaria, ossia di potersi sdraiare in caso di necessità. E’ dotata di tettuccio removibile, sempre in pelle nera che si rifà, a sentire il designer Borochov, alle giacche da motociclista che, tra l’altro, molto all’artista statunitense. Per il resto, nel realizzare il modello, il designer si è ispirato a un trono (immancabile per una regina come Lady Gaga) ed è per questo che tutte le parti in metallo sono state placcate in oro.

Sembra sia stato un lavoro faticoso, considerato che la richiesta di Lady Gaga è giunta inaspettata e si è dovuta concretizzare in appena una settimana, ma probabilmente molto redditizio dal punto di vista economico, anche se il prezzo dell’opera (“Emma” per la cantante e Chariot “carrozza” dal suo ideatore) resta secretato.

L’annullamento del tour ha pesato molto sulla psiche della pop star che ha confessato di essere per questo molto provata, chiedendo poi apertamente perdono a tutti gli ammiratori
«Spero possiate perdonarmi, perché io non riesco a perdonare me stessa. Sono triste e devastate. Spero guarisca presto. Odio questa situazione così tanto. Vi voglio bene e vi chiedo scusa». E ad una pop star così si può veramente perdonare tutto. Anche perché, in questa situazione, le cause sono state di forza maggiore.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.