Archivio | marzo 12, 2013

Parigi, sfila la donna in cellophane

Immagine 2
Che cosa non si fa per stupire! Le passerelle dell’alta moda poi rendono difficile l’impatto per i giovani e giovanissimi stilisti. La necessità dunque aguzza l’ingegno. E pensate un po’ cos’è andato ad inventarsi lo stilista Simon Porte Jacquemus. Durante la settimana della moda di Parigi ha convocato giornalisti, blogger e popolo della moda in un luogo inusuale: ai bordi di una piscina. Ed è proprio li tra modelle diafane e androgine si è svolto il suo defilé. Una passerella all’insegna del ribaltamento di tutti i codici estetici che sinora si sono visti.

Ciliegina sulla torta, tra tante modelle col cappellone da sonno, vestite in ciabatte da piscina, o infradito portate sotto tenute da nottambule, ecco arrivare la donna in “cellophane”: una modella a seno nudo, coperta solo da una casacca in plastica trasparente, impacchettata e “pronta all’uso” come sul bancone del supermercato. Grande successo per questa trovata e, a fine sfilata, Simon ha fatto salti di gioia a bordo vasca. L’obiettivo che si era prefisso sicuramente è stato centrato. Il buon gusto invece è un discorso a parte.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma