In un libro la saga siciliana dei Fiorello

catenafiorelloUno dei fratelli le aveva anche suggerito di cambiare nome. «Scherzando Rosario me l’ha pure detto: ti autorizziamo a rinnegarci». Ma dalla famiglia non si può prescindere. Soprattutto se ha radici che affondano nel vissuto, tra grandi gioie e piccoli dolori. Così autobiografico, ironico e commuovente è “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” (edito da Rizzoli) è il nuovo romanzo di Catena Fiorello, si lei, la sorellina di Rosario e Beppe e Anna. «E’ la storia della mia famiglia, che ha superato le difficoltà col sorriso, spero sia da esempio». Un pane quotidiano che, a fatica, in alcuni giorni, si trovava sulla tavola. La Fiorello narra di essere cresciuta con una (super) mamma in grado di far magie pur di far tornare i conti in tavola. Con serenità, se pur in difficoltà, la famigli ha creduto nel futuro, sempre molto dignitosamente, investendo in valori molto più alti che le ricchezze economiche.

«Perché la ricchezza era tutta nei piatti che mamma Sara ogni giorno metteva in tavola, ispirandosi unicamente alla sua fantasia» afferma la scrittrice. «Per i miei è stata dura, ma anche per noi. Solo che non ce ne siamo accorti, perché abbiamo avuti due genitori maghi dell’illusionismo, nel senso nobile e magico della parole» riferisce mentre nel volume parla anche del rapporto con la sorella Anna e con i fratelli.

«Ma mio padre era sempre sorridente e felice, e io stavo talmente bene con lui, che non avevo il tempo di invidiare gli altri. Oggi non ho la voglia: a 45 anni ho sviluppato troppi anticorpi che combattono i brutti sentimenti». Nella storia della sua saga familiare, trattandosi di “made in Sicilia” non potevano mancare le ricette tradizionali anche se «Non ho alcuna intenzione di sostituirmi agli chef. Mia madre si inventò il “menù Grilli”, a basso costo ma ad alto potenziale d’amore». E infine un’ultima indiscrezione sulla sua prossima fatica letteraria che spiega la Fiorello «Parlerà di paternità non convenzionale».

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...