Tutto Neil Young nella sua autobiografia

1846277600

 

 

 

«Io sogno il vento che cambia e suona sulle mie piume, i miei fratelli e le mie sorelle intorno a me, che raccontano le loro storie in silenzio e condividono il loro spirito con il cielo. Sono la mia
vita». (Neil Young)

Il cowboy del rock si racconta. Nostalgico e fiero del suo passato Neil Young pubblica la sua autobiografia dal titolo “Il sogno di un hippie” (il titolo originale è “Waging Heavy Peace”). Ben 448 pagine, tradotte in italiano da Marco Grompi e Davide Sapienza, in cui ci si perde in un appassionante viaggio nella vita del cantautore americano, in bilico tra eccessi e paradiso, dai tempi dei Buffalo Springfield alle collaborazioni con Crosby, Still & Nash, i Crazy Horse e altri artisti importanti. Musica scritta, musica immaginata, musica esportata che ha contribuito a creare le pagine più belle della nostra epoca.

Lacrime a go go nelle righe in cui parla del rapporto con il figlio Ben, le ricadute nella droga, il rapporto con gli amici che gli sono stati sempre vicino. E infine uno sguardo attento al contemporaneo, una tirata d’orecchie all’era digitale, afflitta e vessata da iTunes e i digital store e la promozione dei nuovi suoi progetti musicali come “PureTone”, il cui obiettivo è quello di ridare dignità a un mondo musicale. «Ho iniziato a scrivere e la cosa è andata avanti da sola» ha commentato lo stesso Young. «E’ così che faceva mio padre, quando si chiudeva nel sottotetto di casa nostra davanti alla sua vecchia Underwood. Diceva “Non smettere mai di scrivere, non sai mai cosa potrebbe venire fuori”».

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

3 thoughts on “Tutto Neil Young nella sua autobiografia

  1. Scrivere è appassionante quando si ha qualcosa da dire.Scrivere senza scalette, lasciando posto alle emozioni e alle idee che scorrono libere dentro di noi. E’ bello, come fa Neil Young, lasciarsi andare alla nostalgia del proprio passato, ricordandolo con fierezza.Non fine a se stesso, ma come propellente per proiettrsi verso il futuro: domani,dopodomani e , tanti giorni, che si succederanno, tutti immaginati unici e speciali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...