Archivio | dicembre 23, 2012

Valentino ed il look per le feste

ValentinoLe abbiamo aspettate anche solo per sfoderare quelle pump rosse che aspettavano con pazienza. Arrivano le scintillanti feste natalizie, un’occasione per esibire, anche nel look quotidiano, la gioia che dovrebbe illuminare gli animi.

«Semplicità con gusto». E’ questo l’input assoluto per il mood delle prossime feste che ci regala Tonino Serranò, responsabile di Valentino, in corso Garibaldi a Reggio Calabria.
«Cominciamo dal colore per il look festivo che, nella boutique di Valentino non può che essere, immancabilmente, il rosso». E per chi non vuole abbandonarsi al rouge di Valentino? Niente paura, nella moda, come nella vita, c’è sempre una seconda chance.
«L’ottima alternativa sarà in bianco e nero, idea assolutamente chic, e che vale sia per il giorno che per la sera. Ovviamente variando gli accessori: una collana o un colletto di pelliccia. Per la sera, in particolare, si possono abbinare dei guanti alti».
Per le più giovani scelte in libertà. «Si può tranquillamente optare per il nero, quindi per un look basic, in tessuti come il velluto, la crêpe di seta. L’importante sarà rispettare i volumi che devono essere morbidi, mai aderenti, proprio per dare quella giusta essenza di romanticismo». E, l’idea del romanticismo, passa soprattutto dagli accessori. «Si possono scegliere, per esempio, per colletti ricamati o ancora fiocchi o cerchietti per i capelli».
Tornando allo stile per la donna più “agèe”.«Lasciamo i mini abiti alle più giovani e optiamo per un abito longuette, sempre molto femminile. La seconda scelta può essere la sempre attuale salopette». E per un Natale dal sapore più austero rispetto agli anni precedenti «Anche per la donna il tubino nero in velluto o in crêpes di seta è sempre molto chic e, soprattutto, si può riciclare per altre occasioni. Da indossare rigorosamente con calze velate. Anche in questo caso gli accessori determinanti possono essere guanti alti, orecchini importanti e, ai piedi, tronchetti che danno quel tocco rock. Da accompagnare ad una clutch o ad una pochette». E per scatenarsi l’ultimo giorno dell’anno invece «Bisogna sempre ricordare che l’originalità è semplicità che, unita ad un dettaglio (un accessorio o un gioiello), rende l’abito chic». Parola di stylist.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Grande successo a Cortina del glam fashion week tra shopping e cultura

cortina fashion weekDalla mattina presto fino a mezzanotte un continuo via-vai di clienti, entusiasti e divertiti. Così, tra alberi griffati e meravigliosi concerti, sono stati tantissimi gli eventi per una fashion week riuscita alla perfezione a Cortina D’Ampezzo. La località montana, nei giorni scorsi, ha registrato il pienone quanto a partecipazione. E la chiave del “tutto esaurito” per la grande festa di moda è stata la sinergia ed il lavoro di squadra con oltre cento realtà tra boutique, ristoranti, bar, e musei aperti coinvolti e perfettamente orchestrati dal Consorzio di promozione turistica Cortina Turismo.

Successone per la seconda edizione del Cortina Fashion WeekEnd coi negozi del centro stracoli e sulle piste circa 3.500 sciatori ogni giorno. Alle spalle della manifestazione la solidarietà per una grande causa benefica, quella della Onlus Baby nel Cuore, partner d’eccezione come White Events, la collaborazione con Cna Federmoda e la media partnership siglata con QN, Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione. All’evento ha partecipato anche la stilista italo-haitiana Stella Jean con un’istallazione nella luxury multibrand Franz Kraler e con un albero di Natale il cui ricavato dalla vendita sarà devoluto in beneficienza. Ed i primi ad essere felici, soprattutto in questi tempi di crisi nera, per la riuscita della manifestazione, sono stati gli operatori locali insieme alle istituzioni.

«È stata un’iniziativa che ha dimostrato, di nuovo, come la collaborazione e il lavoro di squadra di tutte le realtà coinvolte siano riusciti a creare una grande festa. Un ottimo modo per lanciare la stagione invernale».Così Stefano Illing, presidente del consorzio di promozione turistica Cortina Turismo, al quale fa eco Giovanna Martinolli, assessore alla cultura: «È stato bellissimo vedere il centro invaso da così tante persone. Un grande grazie va ai negozianti, che hanno contribuito con il lavoro dei singoli a creare una festa di tutti. Atmosfera magica che ha valorizzato anche le nostre realtà culturali, come il Festival e Accademia Dino Ciani e i Musei delle Regole d’Ampezzo. Le mostre, i concerti, gli incontri, hanno aggiunto, alla moda e allo spettacolo, l’offerta culturale di alto livello che da sempre caratterizza Cortina». E, in questa fusione tra glamour e cultura, considerato il risultato raggiunto c’è chi, a ragione, vorrebbe istituzionalizzare l’evento riuscito oltre ogni aspettativa.

Gabriella Lax

Tutti i diritti riservati. Senza l’autorizzazione è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.