La straordinarietà dell’ordinario

Doisneau, “Il Bacio all’Hotel De La Ville”, Parigi

“Il lusso dell’immobilità che scopre il movimento” e, in uno scatto, si fissa il ricordo delle anime. Le fotografie immortalano istanti rubati a qualcuno, a qualcosa. Parigi, nella forma e nella foggia di mille volti, è stata il suo punto di riferimento. E il fotografo Robert Doisneau con la sua Parigi ha avuto un forte ed appassionato legame emozionale. La mostra di scatti, rigorosamente in bianco e nero, dal titolo “Parigi en libertè- Parigi in libertà”, testimonia questa profonda sinergia. Come una donna, la capitale francese viene ritratta in tutte le sue pose, dai miserabili, volti “scuciti”, alle bellezze incontrate per caso, nella straordinarietà dell’ordinario.

Il palazzo delle Esposizioni di Roma ospiterà fino al prossimo 3 febbraio una grande rassegna antologica. Così, dopo essere stata presentata a Parigi all’hotel de la Ville, in Giappone al Mitsukoshi di Tokyo e all’Isetan Museum di Kyoto, nel centenario della sua nascita, la mostra di Doisneau arriva per la prima volta in Italia, per iniziativa dell’Azienda Speciale Palaexpo, dell’Atelier Doisneau, della Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia e di Civita, con il patrocinio della Ville de Paris e di Roma Capitale.
Nella retrospettiva fotografica ci sono più di duecento scatti che portano dritti al cuore di Parigi, che concedono, anche a chi non l’ha mai conosciuta, di penetrare momenti di intimità: docili passeggiate nei maestosi giardini, tramonti sul lungo Senna, le strade del centro coi raffinati atelier di moda e nelle storiche gallerie d’arte, le affollate periferie e gli immancabili bistrot.

Uomini e donne, bambini e animali, ballerini e innamorati, protagonisti silenziosi in una metropoli in cui il tempo sembra essersi fermato. E’ stato battezzato padre della fotografia “umanista” Doisneau e, osservando le sue fotografie, ben se ne comprende il motivo.
Gli scatti del fotografo francese sono conservati nelle più grandi collezioni in Francia, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e sono esposti in tutto il mondo.
Grazie alla Provincia di Milano, la mostra si sposterà nello Spazio Oberdan di Milano, dal 15 febbraio al 1 maggio 2013. L’esposizione è la prima di un ciclo di importanti mostre dedicate alla grande fotografia francese del Novecento promosse dalla Fondazione Alinari con la collaborazione della Ville de Paris.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...