Archivio | ottobre 14, 2012

La prima volta di JLo in Italia


Cantante, attrice e poi stilista e creatrice di profumi. Jennifer Lopez incarna a pennello la figura della pop star, da più di undici anni sul palcoscenico mondiale della musica ma, incredibilmente, solo qualche giorno fa, è arrivata ad esibirsi nel nostro Paese per la prima volta, incantando all’Unipol Arena di Bologna, gli spettatori arrivati da tutta Italia per l’unica data del tour. Jennifer Lopez, o JLo, è il sensualissimo emblema della favola americana.

Cresciuta nel Bronx, da una famiglia di origine portoricana, da quando compie cinque anni inizia a prendere lezioni di canto e di danza. La leggenda vuole che passi ore ed ore ad aspettare la linea sei della metropolitana newyorkese, coltivando il suo desiderio di essere famosa. La televisione prima per una parte in una fiction girata a Los Angeles, ballerina con Janet Jackson poi e siamo agli inizi degli anni Novanta. JLo non può non farsi notare per il suo fisico dalle fattezze assolutamente “mediterranee”.
In concerto sbarca per il tour “Dance again… The hits”, esageratamente glamour, scintillante negli abiti che si disegna, tra una pioggia di brillantini. Cerca il contatto col pubblico JLo e lo trova nell’entusiasmo di chi aspettava come manna dal cielo un suo live. A 43 anni suonati è splendida nelle prime date del tour, sfoggiando abitini trasparenti per un look super sexy, col celebratissimo lato “B” in bella mostra. Si erge a simbolo degli anni Duemila, la sfegatata sostenitrice del presidente Obama. Il disco, riproposto nel live, contiene le sue hit più famose dal 1999 ad oggi, remixate in chiave ancora più ballabile insieme all’inedita “Dance Again” insieme a Pitbul.
Coreografie spettacolari per un’ora e mezzo di musica e divertimento, con giochi di laser e di luce, enfatizzate grazie all’utilizzo di maxi schermi. La cantante portoricana è presidente, impiegata e rappresenta la materia stessa di cui è fatta la “J.Lo Inc”, società che gestisce la sua immagine, produce i suoi film e la sua linea di moda e sfrutta i suoi diritti d’immagine.
Il concerto di “Jenny from the block” ha però suscitato le ire degli animalisti poiché J.Lo, oltre ad indossare spesso pellicce, è titolare di una linea di abbigliamento, la “Sweetface”, che impiega abbondantemente pelo di volpe, visone e coniglio nei suoi capi.